Menu

Città Sant'Angelo

Città Sant’Angelo è un piccolo comune della Provincia di Pescara adagiato su un fertile promontorio che domina l’entroterra abruzzese dal mare alla montagna. È nella lista dei “Borghi più belli d'Italia”.

COME ARRIVARE

Città Sant'Angelo dista circa 20 km da Pescara, circa 110 km da L’Aquila, circa 220 km da Roma e circa 300 km da Napoli.

In automobile

Percorrendo l’autostrada A14 uscire a Pescara Nord/Città Sant’Angelo e proseguire sulla SS16 seguendo le indicazioni.

In treno

Lungo la linea ferroviaria Adriatica, scendendo a Montesilvano, si può raggiungere Città Sant’Angelo con i mezzi pubblici.

In aereo

Città Sant'Angelo dista circa 20 km dall’Aeroporto internazionale d’Abruzzo di Pescara da dove è facilmente raggiungibile, con mezzi pubblici, la stazione ferroviaria da cui si diramano le tratte principali del centro Italia.

CENNI STORICI

Il nome del paese è legato al culto di San Michele Arcangelo, di origine longobarda. Non si sa con certezza dove fosse collocata l’originaria Angulum, se sul promontorio o lungo i crinali che si estendono fino alla zona costiera. Il territorio è costellato infatti di insediamenti e necropoli italiche e romane e le fonti storiche parlano di “castello e porto” nel IX secolo. Subì poi varie fasi costruttive e di ristrutturazione a causa del suo orientamento politico guelfo, le fonti parlano infatti di una distruzione nel 1239. Nel tessuto urbano sono infatti evidenti le diverse fasi del nucleo fortificato la cui costruzione, con i vari ampliamenti, si concluse nel XVII secolo.

COSA VEDERE

Il borgo presenta una conformazione tipicamente medievale, testimoniata anche dai numerosi palazzi dell’epoca e dalle splendide chiese che impreziosiscono i vicoli e le piazze. Percorrendo il lungo corso che attraversa l’intero borgo incontriamo, infatti, il Palazzo di Giampietro, Palazzo Ursini, Palazzo Castagna, Palazzo Coppa Zuccari e molti altri costruiti a mattone, spesso con cornici e lesene sagomate e tipici cortili interni.

All’ingresso del borgo salta subito all’occhio la Collegiata di San Michele Arcangelo, preceduta da un sontuoso porticato quattrocentesco e un poderoso campanile. Di fondazione alto-medievale ma databile con certezza al XIV secolo, come dimostra l’arzigogolato portale, la chiesa reca evidenti tracce delle ristrutturazioni e delle aggiunte successive. L’interno è fortemente baroccheggiante, con soffitto ligneo a cassettoni, coro intagliato e numerosi affreschi trecenteschi. Degni di nota anche la statua policroma in legno di San Michele, un sontuoso sarcofago in pietra e una statua della Madonna delle Grazie in terracotta policroma. Il municipio di Città Sant’Angelo è ospitato in un antico convento trecentesco annesso alla Chiesa di San Francesco, anch’essa baroccheggiante con tracce di rifacimenti tra i quali i particolari mosaici pavimentali settecenteschi e ottocenteschi.

Anche la Chiesa di Santa Chiara si presenta barocca in seguito alle ristrutturazioni settecentesche post terremoto, ma il nucleo originario, dalla particolare morfologia triangolare inscritta in un cerchio e sovrastato da una cupola, si addossa ad una struttura fortificata più antica. Probabilmente era una cappella privata dell’attiguo convento delle Clarisse. Il corso culmina in una scalinata che conduce alla chiesa di Sant'Agostino, attualmente utilizzata come auditorium. Di impostazione barocca anch’essa, presenta all’interno quattro altari riccamente decorati in stucco. Proseguendo la passeggiata nel borgo è possibile girare intorno al paese seguendo i lacerti delle mura perimetrali del borgo delle quali restano ben visibili ancora le porte di accesso al paese: Porta Licinia e Porta Casale e le altre dedicate a Sant’ Egidio e Sant’Antonio.

TIPICITA’ DEL BORGO

Città Sant’Angelo è la cittadina delle rue. Il suo segreto è custodito tra i vicoli e le piazzette racchiuse tra i palazzi in caldo mattone che si affacciano sulla vallata spaziando dal mare alla montagna.

Le fertili vallate hanno da sempre favorito la coltivazione dell’ulivo e della vite, la cui produzione ha dato origine a l’olio dop extravergine Aprutino – Pescarese e a un vino doc Montepulciano d’Abruzzo.

EVENTI DI INTERESSE

In onore della produzione vinaria a settembre a Città Sant’Angelo si tiene la Festa dell’uva, dedicata alla vendemmia e alla tradizione agricola del paese, durante la quale sfilano carri allegorici addobbati a tema.

A proposito di carri non bisogna dimenticare quelli del famoso Carnevale di ‘Ndirucce, dedicato all’omonimo personaggio ottocentesco che all’epoca intratteneva il popolo con rime e sonetti satirici e irriverenti, dedicati agli eventi avvenuti nel paese.

Città Sant’Angelo è gemellata con il comune siciliano di Nicolosi ed ogni estate a luglio si tiene la festa “Dall’Etna al Gran Sasso” dove è possibile degustare, piatti e prodotti tipici di entrambe le regioni.

Non ci sono prodotti corrispondenti alla selezione.