Menu

Santo Stefano di Sessanio

Santo Stefano di Sessanio è un paese della Provincia dell’Aquila collocato nel cuore del Gran Sasso a ridosso della Piana di Campo Imperatore. Fa parte dei “Borghi più belli d'Italia”.

COME ARRIVARE

Santo Stefano di Sessanio dista circa 85 km da Pescara, circa 30 km da L’Aquila, circa 150 km da Roma e circa 260 km da Napoli.

In automobile

Percorrendo l’Autostrada A25 Roma – Pescara, imboccare l'uscita Bussi - Popoli e seguire la SS153 in direzione L'Aquila fino al bivio per Barisciano da dove si prosegue seguendo le indicazioni per Santo Stefano.

In treno

Sulla tratta ferroviaria Roma - Pescara si raggiunge la stazione ferroviaria di Pescara da dove si giunge a Santo Stefano di Sessanio con i mezzi pubblici diretti a L’Aquila con fermata a Barisciano. È anche possibile raggiungere la stazione di Sulmona da dove si prosegue per L’Aquila, ancora in treno, e poi, da lì, con i suddetti mezzi pubblici diretti a Santo Stefano.

In aereo

Santo Stefano di Sessanio dista circa 85 km dall’Aeroporto internazionale d’Abruzzo di Pescara da dove è facilmente raggiungibile, con mezzi pubblici, la stazione ferroviaria da cui si diramano le tratte principali del centro Italia.

CENNI STORICI

Le prime informazioni sicure relative a Santo Stefano risalgono solo al XIV secolo, mentre nei secoli precedenti la sua storia è legata alla baronia di Carapelle e ai monaci benedettini di San Vincenzo al Volturno. L’antico nome Sextantio deriva infatti dalla distanza di “sei miglia” dal centro abitato più importante che era verosimilmente collocato nella sottostante Piana San Marco. Il borgo fu dominato dagli Svevi e dagli Angioni, e nel pieno ‘500 passò alla famiglia dei Medici che, con lo sfruttamento sistematico e intensivo di pastorizia e transumanza, lo resero uno dei più ricchi del territorio.

COSA VEDERE

Il borgo è dominato dalla torre “medicea”, circolare e merlata sulla sommità (purtroppo andata distrutta nel sisma del 2009 e attualmente in ricostruzione). Dalla sua cima si spazia su tutta la valle godendo di un panorama mozzafiato.

Il borgo è un vero e proprio ricamo di vicoli, chiassetti, piccole rue, vie voltate e piazzette dagli scorci deliziosi. Le case sono ancora tutte in pietra, e molte conservano ancora elementi architettonici originali come colonne, loggiati, bifore, ricchi portali e finestre decorate. Al borgo, delimitato naturalmente da case-mura addossate le une alle altre, si accede da varie porte monumentali su una delle quali campeggia lo stemma della Signoria di Firenze. Degna di nota la cosiddetta “casa del Capitano” e la quattrocentesca Chiesa di Santo Stefano.

Alle pendici del colle che ospita il borgo vi è la deliziosa chiesa di Santa Maria delle Grazie, o del Lago, barocca, con un porticato antistante che si affaccia su un laghetto carsico.

TIPICITA’ DEL BORGO

Santo Stefano di Sessanio è il paese delle lenticchie e della transumanza. La piana che ospita il colle è da sempre stata sfruttata per la coltivazione dei legumi facilmente coltivabili in quei terreni montani così aridi. Ma il vero tesoro di Santo Stefano è il paesaggio. Il paese si trova alle porte di Campo Imperatore, il “piccolo Tibet d’Abruzzo”, meta finale di tutta la transumanza verticale dell’Abruzzo.

Nel borgo sembra che il tempo si sia fermato e tra i vicoli e le rue si possono ancora percepire la forza e la magia degli artigiani e dei pastori che lo vivevano nel passato. Negli ultimi decenni è stato trasformato in un albergo diffuso ed è possibile soggiornare in alcune abitazioni che hanno mantenuto l’arredamento e la struttura architettonica dei tempi scorsi.

EVENTI DI INTERESSE

Agli inizi di settembre si svolge la sagra delle lenticchie che attira persone da tutto il comprensorio.

Non ci sono prodotti corrispondenti alla selezione.